Pangloss è tornato (anzi, non se n’è mai andato)

image

La sofistica da giornale assomiglia un po’ a quella da condominio (“Come dice la parola stessa, l’ascensore serve per salire, quindi propongo che da domani chi lo usa per scendere lo faccia a pagamento”). Il sofista Vittorio Feltri.interviene nella querelle sulla razza con un argomento acuminato e così stringente da apparire decisivo: se esistono i razzisti (come pretendono i radical chic) esistono di conseguenza le razze. E’ una mossa dialettica che ne ricorda altre non meno travolgenti (“Se esiste la Pianura padana, è chiaro che deve esserci la Padania”), e sollecita considerazioni che rivelano verità finora nascoste sotto la cenere del nostro pensiero pigro, come ad esempio: “Poiché esistono associazioni amiche dei marziani, devono esistere da qualche parte degli omini verdi”.
Esiste poi in letteratura un antenato nobilissimo di Vittorio Feltri (che però tocca vette di comicità sublime, contrariamente al noto giornalista); lo plasmò Voltaire nel suo Candido: è il precettore Pangloss, costruttore di marchingegni sofistici inossidabili e, come si vede ancora oggi, di pronto uso dopo due secoli e mezzo: “Osservate bene che il naso è fatto per portare gli occhiali, e così si portano gli occhiali; le gambe son fatte visibilmente per esser calzate, e noi abbiamo delle calze, le pietre son state formate per tagliarle e farne dei castelli, e così Sua Eccellenza il barone ha un bellissimo castello.”

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: