Il video della domenica. Marco Belpoliti, LA MIA VITA DA ZUCCHINA

 

http://www.doppiozero.com/materiali/claude-barras-la-mia-vita-da-zucchinay

“Non perdetelo, non solo perché è bellissimo dal punto di vista estetico – dettagli curatissimi – ma perché è un modo per ritornare di colpo a quel periodo lontano, remoto, in cui eravamo bambini. Anche se non si smette neppure un momento di essere adulti guadandolo – come potrebbe essere altrimenti? –, ci sono attimi in cui la lama sottile del dolore s’infila tra costola e costola, una fitta alla stomaco, un dolore nel petto.”

Il film intero

https://m.youtube.com/watch?v=wiy9OjdSfVo

 

 

Il video della domenica. Alberto Moravia, Viaggio al Congo. 1975. 5′

Schermata 2018-08-25 alle 17.05.07.png

https://www.youtube.com/watch?v=CPM5kZIByQU

“L’africano non è l’altro, il diverso, il lontano dall’europeo, è semplicemente l’altra faccia dell’europeo, la sua metà alternativa e perduta. Tutti e due avrebbero fatto uno stesso individuo, una stessa persona se non ci fosse stata questa corsa al saccheggio dell’Africa, questa corsa al trattamento dell’Africa come se fosse stata una terra di nessuno.”

Il video della domenica. ALBERTO BURRI, LA VITA NELL’ARTE. 6’30”

“Il sacco. Il primo sacco che lui ha dipinto era perché appena finita la guerra, o probabilmente ancora in prigionia… aveva sotto mano un sacco di quelli sbrindellati, bucati, rotti, che lui ha cercato di far diventare una tela per dipingerci…”

“La realtà delle guerre: distruggono l’equilibrio, infatti nel dopoguerra non esiste una pittura tonale, e rimani in questo rapporto immediato con la superficie”.

Il video della domenica. Paul Auster, “4 3 2 1” e la politica (sottotitoli)

Paul Auster ci regala un dialogo appassionato tra la propria esistenza e quella di Archie, il personaggio principale del suo ultimo romanzo, “4 3 2 1”. In questo documentario lo scrittore ebreo americano passa in rassegna la sua vita e, con l’ausilio della moglie Siri Hustved, del regista Wim Wenders e dell’artista Sal Messer, affronta gli aspetti più politici della sua opera.