Un angolo fresco e solitario in questa fine di luglio. Il blog di radiospazio. Tomás Saraceno, Spider sessions

image

 

Imbattersi in certe opere, sia pure casualmente, crea risonanze imprevedibili. Questa stanza di Tomás Saraceno, ad esempio, nella quale campeggiano grandi ragnatele interrotte da chiazze e lame di luce, mi ha ricordato il nostro blog, che in questo mese di luglio viene visitato solo da qualche  amico, per lo più di recente acquisizione. Tutti gli altri preferiscono la luce impudica del sole. Un benvenuto ai piccoli, nuovi ragni del blog: il campo è tutto loro.

Il video della domenica. BOB WILSON, L’OPERA DA TRE SOLDI, DI BRECHT

Schermata 2015-07-03 alle 19.12.54https://www.youtube.com/watch?v=nv2SiBcE9dM&list=PL1lzpGG96tWsOKFZLmmljSsArQlzreytI

Ancora a proposito di Brecht,  già che lo abbiamo momentaneamente rispolverato, vale la pena di vedere come lo Bob Wilson ha riletto, tre anni fa, L’Opera da tre soldi allestendola per il Berliner Ensemble; quella che vi proponiamo è una breve sintesi di soli sette minuti che rendono bene l’idea di come abbia riletto il lontano (nel tempo: 1928) capolavoro di Brecht immergendolo in una soluzione di raffinatissimo neo-espressionismo.

Il poeta in soffitta. BERTOLT BRECHT, L’ANALFABETA POLITICO

brecht4

Non so se c’è anche nella vostra, ma in molte soffitte si trova ancora, magari sul fondo di un baule, insieme ad altri simboli (e status symbol) degli anni Sessanta/Settanta: parlo di Bertolt Brecht, drammaturgo egemone, che in quegli anni fu il verbo di un teatro (il nostro) nutrito del  trombonismo dei grandi attori e del titanismo gigione dei registi stregoni – figurarsi cosa poteva importargliene dello straniamento e della drammaturgia come strumento della lotta di classe. Al termine di quel ventennio, Brecht conobbe l’esilio della soffitta insieme alle ideologie, alla psicoanalisi alternativa e a tanti altri pezzi pregiati in mostra nelle vetrinette di una borghesia che si riteneva illuminata ma che si scoprì balbettante e tremante di fronte all’offensiva del nostro terrorismo. Ma Brecht era anche poeta, e la poesia, soprattutto quella che chiamiamo civile, ha una tenuta maggiore del teatro, è un farmaco di quelli che rilasciano lentamente le sostanze, e ne è un esempio questa che vi proponiamo: il suo effetto dura ancora oggi, a cinquant’anni di distanza. Vale la pena, dunque, alzarsi dalla poltona, arrampicarsi sulla scala scriocchiolante della soffitta e dare una spolverata al vecchio Brecht.

Brecht, L’analfabeta politico

Il peggior analfabeta
è l’analfabeta politico.
Egli non ascolta, non parla
né partecipa agli avvenimenti politici.
Non sa che il costo della vita,
il prezzo dei fagioli, del pesce,
della farina, dell’affitto, delle scarpe
e delle medicine
dipendono dalle decisioni politiche.
Un analfabeta politico è tanto animale
che si inorgoglisce e gonfia il petto
nel dire che odia la politica.
Non sa l’imbecille che
dalla sua ignoranza politica proviene
la prostituta, il minore abbandonato,
il rapinatore ed il peggiore di tutti i banditi,
che è il politico disonesto,
ingannatore e corrotto,
leccapiedi delle imprese nazionali e
multinazionali.

Bertolt Brecht, Poesie, Einaudi, Traduzione Mario Carpitella

Le voci degli inascoltati. DANILO DOLCI, ROSARIA

image

Qualcuno ricorda Danilo Dolci? Di origini triestine (madre slovena, padre siciliano), dopo aver vissuto la giovinezza a nord scelse come campo d’azione, negli anni Cinquanta, la Sicilia occidentale (Partinico, Trappeto). “Campo d’azione” è un’espressione generica ma gli atti di Dolci erano molto concreti e le sue idee molto chiare: per esempio, l’idea che un bambino fosse morto per denutrizione gli pareva insopportabile (ciascuno ha le sue fissazioni), quindi era capace di sdraiarsi nel lettino dove era morto il piccolo e di iniziare uno sciopero della fame a oltranza che sarebbe cessato solo quando le autorità non avesser preso provvedimenti contro la povertà della zona. Fantasioso quanto visionario, organizzò a Partinico, nel 1952, lo sciopero alla rovescia, che nasce da un impeccabile sillogismo: se l’operaio, per far valere i suoi diritti, può astenersi dal lavoro, un disoccupato può protestare lavorando; organizzò quindi un centinaio di senza lavoro perché riparassero una strada comunale disastrata. Come potete immaginare (viviamo in un paese in cui l’inimmaginabile s’impara sui banchi di scuola), intervenne la polizia e Dolci venne arrestato. Durante la sua intensa attività di sociologo, animatore, attivista della non violenza, Danilo Dolci scrisse saggi, poesie e racconti, dai quali abbiamo tratto il piccolo frammento che vi proponiamo, ricordando che l’autore si limitò a trascrivere con rispettosa attenzione i racconti di uomini e donne della Sicilia ai quali riteneva doveroso lasciare la parola.

Il principio fu quello che mi fecero sposare senza le nostre idee, senza affetto dell’uno e dell’altro. Siccome il fondatore di questa proprietà nostra sarebbe una zia nostra. Questa zia aveva bisogno di aiutarla sia in casa che nella campagna. Allora io ci sembrava bene. Mio marito si trovava soldato ed era fratello della mia mamma. Io non avevo voglia di sposarmi che avevo tutto pronto per farmi suora. Mio padre mi voleva tanto bene che non voleva lasciarmi mai. Ma io avevo tutto pronto per andarmi suora. Allora il babbo mi ha detto: – Io vengo a lasciarti fino alla stazione. Però se tu vai sopra il treno io ci vado sotto, e i figli che restano sono a carico tuo – Non mi voleva lasciare andare monaca perché diceva che non mi vedeva più, per sposarmi sì mi lasciava andare. Allora io, per non disgradire l’obbedienza del padre, rimasi abbracciata alla famiglia. Eravamo nove e tutto il carico era mio, che la mamma era sempre sulla sedia.

Danilo Dolci, Racconti siciliani, Einaudi

Il video della domenica. TATI, LE VACANZE DEL SIGNOR HULOT

Schermata 2015-07-13 alle 13.17.09https://www.youtube.com/watch?v=B7YpAxeu7t8

Minuscolo frammento di un film di sessantadue anni fa, Le vacanze del signor Hulot, di Jacques Tati. Comicità che riprende l’essenzialità dello slapstick (torte in faccia, corpi che precipitano e rimbalzano come molle, o più semplicemente uomo distratto che va a sbattere contro un lampione). Il meccanismo comico che si mostra nudo, nella sua povertà, a ricordare l’inconsistenza effimera del ridere e, per contrasto (per fortuna), anche del piangere.

Luoghi letterari clandestini. Bologna, La Fontanina. ATTILIO BERTOLUCCI, PAGINA DI DIARIO

Senza titolo-1.jpg

E’ possibile che qualche turista, fra gli sbracati sciamannati di agosto che visitano Notre-Dame, a Parigi, ricordi la figura di Quasimodo aggirantesi fra le navate della cattedrale, e che in Spagna, davanti ai mulini a vento di Consuegra (ma questo è già meno probabile) li riferisca al famoso assalto di Don Chisciotte, o ancora che il laghetto del Central Park di New York richiami alla mente il giovane Holden. D’estate i luoghi, che durante l’anno erano stati semplici chiese, mulini e laghetti, si arricchiscono di una valenza letteraria che era stata per lo più ignorata durante la bassa stagione turistica. Ma i più pregiati sono quei luoghi dei quali pochissimi hanno consapevolezza: luoghi, si potrebbe dire, che sono letterari all’insaputa dei più. Per esempio, la Fontanina, di Bologna, che non esiste più da chissà quanto tempo (forse anche perché essendo un luogo cripto-letterario hanno lasciato che spirasse come se fosse un locale qualunque). La Fontanina era un locale alla periferia di Bologna; i suoi séparé erano decentrati, sparsi lungo i gradini di un giardino frammentato come un labirinto. Questi séparé apparentemente naturali erano arredati con un tavolino e un paio di sedie metalliche ammorbidite da cuscini. Due sedie: non ne occorrevano di più perché il luogo era palesemente destinato a proteggere le coppie con una riservatezza che nel suo verdeggiare richiamava i prati della rustica camporella ma fornendo, al tempo stesso, il comfort del locale accessoriato di bevande alcoliche, analcoliche e di camerieri ammiccanti. Conviene precisarlo: i camerieri erano tutte oneste e linde persone ma la natura labirintica del luogo faceva sì che la loro comparsa risultasse sempre a sorpresa: anche la persona più impassibile risulta ammiccante se è costretta a sbucare senza preavviso da una siepe di bosso o da un cespuglio – né i camerieri potevano annunciarsi con un colpetto di tosse o facendo scricchiolare la ghiaia, perché allora sì che la loro entrata sarebbe stata maliziosa. Io conobbi Fontanina di Bologna prima di aver letto Pagina di diario, di Bertolucci, e rimasi sorpreso, anni dopo, quando scoprii che quel locale era diventato un piccolissimo luogo letterario. Ripensai allora ai camerieri che nel ricordo mi apparvero  “furbi e lisi”, alla porticina che introduceva ai séparé del giardino.   Ritrovai soprattutto, in questi pochi versi, quello spiffero di innocente peccato che attraversava il locale.

A Bologna, alla Fontanina,
un cameriere furbo e liso
senza parlare, con un sorriso
aprì per noi una porticina.

La stanza vuota e assolata dava
su un canale
per cui silenziosa, uguale,
una flotta d’anatre navigava.

Un vino d’oro splendeva nei bicchieri
che ci inebbriò;
l’amore, nei tuoi occhi neri,
fuoco in una radura, s’incendiò.

Attilio Bertolucci, La capanna indiana, Garzanti

Grecia. Riletture attuali (?) KONSTANTINOS KAVAFIS, ASPETTANDO I BARBARI (Vittorio Gassman)

Schermata 2015-07-06 alle 10.53.48https://www.youtube.com/watch?v=_ulPjQSiR3Q

D’accordo, questi versi di Kavafis sono stranoti, ma le riletture servono proprio a calare nella nostra esperienza presente le parole che l’autore aveva riferito a tutt’altro contesto. Chissà se i nostri amici del blog troveranno qualche analogia fra i barbari imminenti raffigurati da Kavafis e la tormenta che si è abbattuta (e che ancora imperversa) sulla Grecia di oggi.

Il video della domenica. FRANCESCA FINI, TOUCHLESS, 4’40”

Schermata 2015-07-01 alle 19.03.48

https://www.youtube.com/watch?v=vxJb7f_Rej0

Che ne è stato dell’Incomunicabilità? Bisogna avere più di cinquant’anni per ricordarsene. Fra il 1961 e il 1964, Michelangelo Antonioni creò una trilogia ( L’avventura, La notte, L’eclisse) che divenne la bandiera e il tormento di una borghesia che per acculturarsi era disposta a sottoporsi a qualunque fatica, dunque anche alla visione di questi film che non amava (troppi silenzi, troppe ellissi, ritmo troppo lento) ma non si potevano non vedere, anche perché la fatica era premiata, dopo, nelle riunioni fra amici, durante le quali fiorivano discussioni tanto lunghe quanto approssimative.
Anche in questo video di Francesca Fini c’è qualcosa che potrebbe ricordare l’Incomunicabilità di Antonioni, ma molti anni sono passati; l’uomo e la donna giacciono inerti (più lui di lei, a dire il vero) e il ricordo del loro rapporto (ma forse è una fantasia possibile) trova nella manipolazione elettronica un pacato appagamento. 

I gesti vivi nella memoria. ALBERT COHEN, Le livre de ma mère

Schermata 2018-02-26 alle 17.06.25.png

James Abbott McNeill Whistler, La madre

Perdere la madre vuol dire perdere la propria infanzia, scrive Albert Cohen. Una frattura irrimediabile separa l’io che parlava con la madre da quello che ora parla di lei: una parte di sé è stata persa nella scossa dell’avvenimento, ciò che rimane si fa trama sulla quale intessere i fili della memoria spesso troppo corti, stropicciati, sbiaditi. Le livre de ma mère non è un romanzo sull’amore materno, ma l’intima archeologia di un figlio che si addentra nel se stesso che fu per preservare dall’oblio l’unicità di una madre, sua madre, in una narrazione che è quasi un canto e dove l’irreparabilità della morte della persona amata non è celata dalle parole, bensì affermata, ripetuta, come un ritornello che sospende, e insieme scandisce e rinnova, l’avanzare lento del ricordo. Roberta Sapino

Un giorno, a Ginevra, le avevo dato appuntamento alle cinque nel piazzale dell’Università ma poi mi lasciai trattenere da un’idea bionda e arrivai solo alle otto. Non mi vide giungere. La osservai, pieno di vergogna, mentre se ne stava ad aspettarmi paziente, seduta su una panchina, tutta sola, ormai che il giorno era finito e l’aria si era fatta fredda, col suo povero cappotto troppo stretto e il cappello che le era calato da una parte. Aspettava lì, da ore, docile, tranquilla, un po’ insonnolita, resa più vecchia dallo star sola, rassegnata, abituata alla solitudine, abituata ai miei ritardi, incapace di ribellione nella sua umile attesa, servile, povera santa donnetta. Aspettare un figlio per tre ore, cosa può esserci di più naturale e poi lui non aveva tutti i diritti? Io lo odio, quel figlio. Alla fine mi scorse e riprese a vivere, dipendente da me in tutto e per tutto. Rivedo il suo sussulto di vitalità ritrovata, la rivedo passare di colpo dall’ebetudine alla vita, ringiovanire, di colpo passare dalla sonnolenza di serva o di cane fedele alla più grande voglia di vivere. Si rassettò il cappello e il viso, perché ci teneva a farmi sentire rispettato. E poi, Mamma vecchieggiante, fece quei suoi due gesti tipici, chissà dove era andata a prenderli e in quale infanzia li aveva pescati. Li rivedo così bene i suoi due gesti impacciati e poetici quando, da lontano, mi vedeva arrivare. Il terribile dei morti sono i gesti che facevano da vivi rimasti nella nostra memoria. Perché allora continuano atrocemente a vivere e noi non ci capiamo più nulla.

Albert Cohen, Le livre de ma mère, Gallimard

SCORCIO DELLA STAGIONE CHE VERRA’

Teatro AstraIl teatro era molto diverso da come appare in questa fotografia. Anzitutto, c’era il pubblico. Un pubblico attento, di addetti e non addetti, di abbonati, di attori parzialmente o totalmente scritturati, di attori scritturabili, di spettatori eroici – tutti gli spettatori sono eroici, mi viene da pensare da qualche tempo a questa parte: lo sono quando vanno a teatro e ancora di più quando vanno a sentire parlare di teatro, di un teatro che si farà, che accadrà di qui a qualche mese. C’era il direttore del TPE, Beppe Navello, che illustrava la stagione 2015/16. C’era il sindaco di Torino. C’era l’assessore regionale alla cultura, Antonella Parigi, ma non voglio addentrarmi nella cronaca (questa non è una cronaca) anche se gli elenchi sono affascinanti (“A Eber nacquero due figli: uno si chiamò Peleg, perché ai suoi tempi si divise la terra, e il fratello si chiamò Ioktan. Ioktan generò Almodàd, Selef, Asarmàvet, Ierach, Adoràm, Uzal, Dikla, Ebal, Abimaèl…”). C’erano, alla conferenza stampa del TPE, anche i racconti degli spettacoli futuri: racconti appena accennati, forzatamente accennati perché quegli spettacoli non esistevano ancora e alcuni non esisteranno per svariati mesi, e quando esisteranno saranno molto diversi dal brandello di racconto che li ha sommariamente prefigurati. C’erano anche, fra questi fantasmini di spettacoli, anche quelli di Radiospazio Teatro che, secondo la mia impressione, erano fra i più vaghi. Ci torneremo su, con più calma, perché questa non è una cronaca. Per chi fosse interessato a una vera cronaca:
https://www.facebook.com/stagionetpe?fref=ts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: