3 TRAVESTIMENTI, la compagnia

alberto vecchione assorto
Alberto Gozzi

GLI ATTORI

gianluigi
Gianluigi Pizzetti
eleni
Eleni Molos
francescone
Francesco Benedetto
anna
Anna Montalenti

LO STAFF

IMG_7024
Augusta Tibaldeschi, scene e costumi
donna-anonima-con-l-icona-lunga-del-ritratto-dei-capelli-74203822.jpg
Irene Lugli, sarta
lisa stretta
Lisa Lo Presti, assistente alla regia
francesco
Francesco Ghisi, videomaker

CÉLINE SUL MÉTRO. Recensione di Maria Dolores Pesce su Dramma.it

Schermata 2017-11-27 alle 12.20.03leggi il resto dell’articolo:
http://www.dramma.it/index.php?option=com_content&view=article&id=23956:celine-sul-metro&catid=39:recensioni&Itemid=14

 

CÉLINE SUL MÉTRO. Piccole violenze non solo dialettiche. In replica al Teatro Astra fino al 26 novembre

15Céline prende Y per orecchio

foto di Domenico Conte

Fin dalle prime battute, la pièce si configura come uno scontro, dapprima circoscritto al dialogo, poi decisamente fisico. Non mancano torsioni dell’orecchio e colpi in testa, oltre a svariati e non troppo contenuti maltrattamenti. Il comico verbale si trasforma in comica finale.

Céline                Lei non ha capito un accidente, deve imparare tutto a memoria… non faccia il furbo… ripeta con me… Ripeta: l’emozione la si ritrova soltanto… Dove?…
Professore        Dove…?
Céline                Le ho detto di non fare il furbo! Sono io che glielo sto chiedendo!… Dove?… Nel parlato!
Professore       Sì, come vuole, nel parlato…
Céline                … E solo a prezzo di grandissimi sforzi… al prezzo di una pazienza che un coglione come lei non riesce nemmeno a immaginare… È chiaro?

coupon céline

CÉLINE SUL MÉTRO. Gli inconvenienti di una prostata pazza. In replica al Teatro Astra fino al 26 novembre

33_Prima pisciata di Y

foto di Domenico Conte

Se voleste fare un’intervista potendo scegliere l’intervistatore, probabilmente ne cerchereste uno in sintonia con voi. Céline, che ha la facoltà di crearsene uno, inventa una creaturina scostante, conformista, arrivista, improbabile, e per di più afflitta da una prostata poco affidabile che crea situazioni da teatro dell’Assurdo.

Céline            Per essere uno che non vuole farsi notare, ne fa di casino… infatti già c’è qualcuno che si ferma a guardare… Sto pensando di dargli un bel colpo in testa e buonanotte… ma poi l’intervista?…  Non vuole proprio andare a pisciare? Sicuro?
Professore    No no, è questione di un momento… adesso passa…

CÉLINE SUL MÉTRO. Costeggiando l’Assurdo. In replica al Teatro Astra fino al 26 novembre

24_Céline prende Y per la collottolafoto Domenico Conte

Lo spunto iniziale del testo celiniano è un’intervista scritta che dovrebbe rimettere in gioco l’autore, emarginato dalla buona società letteraria per le sue connivenze col Nazismo e col governo di Vichy. Ma lo sviluppo della pièce riserva molte sorprese, anche perché l’intervistatore (un presunto Professor Y che poi dichiara di essere un Colonnello,  ma le identità slittano, in questo spettacolo) è una creatura immaginaria e imprevedibile, nata dalla mente dello stesso Céline. Nasce fra i due soggetti un rapporto tumultuoso quale può essere quello fra uno scrittore e il suo pupazzesco antagonista.

Céline     Altro che fare il tonto con la testa fra le nuvole!… In ginocchio!… lei sta sabotando! Ma dove sono andato a pescarla, lei?

coupon céline

CÉLINE SUL MÉTRO. L’emozione puttanella. In replica al Teatro Astra fino al 26 novembre

23_DEN0223

L’articolo mediatico (e non solo) che circola di più sui media è l’emozione, quella delle Barbare d’Urso e delle sue consorelle, quella del concorrente di Masterchef, strapazzato ma comunque grato all’organizzazione che gli ha consentito di vivere una “grande emozione”; quella del sottosegretario che inaugura un campetto di calcio in un comune che non ha mai sentito nominare, anch’egli colmo di emozione al pensiero dei bambinetti che giocheranno su quel manto erboso; perfino quella del recensore al microfono che, non trovando altro da dire, parla delle emozioni racchiuse una raccolta di poesie loffie, che nessuno leggerà mai, ma che hanno vinto non si sa quale premio. E l’emozione si ahhaccia anche nel discorso di Céline, che la contrappone al “cuore”. 

Céline               È una troietta, sa?
Professore       Chi?
Céline                L’emozione. Fa la ritrosa, la sfuggente… basta avvicinarsi un poco e subito bisogna chiedere scusa… non si lascia mica prendere tanto facilmente, la puttanella!… anni e anni ci vogliono… Sì, è piuttosto rara, l’emozione… molto più del cuore… il cuore è quella roba che gli scrittori pataccari mettono nel «periodare»… nelle «frasi che filano»… Così come le regole… Tutta roba da culo… roba da «anime belle», le pare? “un affare di culo”…

coupon céline

CÉLINE SUL MÉTRO in replica al Teatro Astra fino al 26 novembre

7_Céline fagiolini, Y in panchina3

Nella Francia del secondo dopoguerra, la vita letteraria ritrova le sue istituzioni e i suoi riti, ma il tessuto del Paese è ancora lacerato dalla ferita profonda che il maresciallo Pétain ha inferto ai francesi col suo regime collaborazionista di Vichy. Si cercano capri espiatori, veri o presunti, come per cancellare nel più breve tempo possibile una macchia che dovrà invece durare per molto tempo. Louis Ferdinand Céline è un bersaglio ideale: il suo atteggiamento favorevole al Nazismo, rafforzato dai suoi libelli antisemiti e dall’aura di maledetto che lo avvolge, hanno plasmato  un mostro da non sbattere in prima pagina, ma da tenere ai margini e relegare all’oblio. Contro questa condanna alla morte civile, Céline decide di reagire scrivendo Colloqui col Professor Y, e lo fa servendosi di uno strumento banale, quotidiano (talvolta anche noioso, bisogna dirlo): un’intervista letteraria che dovrebbe reinserirlo nel flusso dei media. Ma l’intervista è ambientata in un palcoscenico sul quale l’autore mette in scena un se stesso torrentizio, un Céline al quadrato che nella metamorfosi teatrale diventa maschera e parodia dell’originale; quanto all’intervistatore, è una creatura tanto inventata quanto improbabile; perfino la sua identità è posticcia e provvisoria: all’inizio è quella di un sedicente professor Y, meschino, supponente, arrivista, piccoloborghese, che successivamente si rivelerà per un ancor meno credibile Colonnello Réseda. Cos’ha a che vedere un Colonnello con la letteratura? Niente, e sembra proprio che Céline si costruisca questo interlocutore tanto estraneo e malevolo per usarlo come un punging ball mentre ricostruisce le tecniche dei suoi romanzi, distrugge gli autori patacca, si scaglia contro il sistema mediatico. Ma come ogni burattinaio finisce per essere dipendente dalla sua marionetta, così Céline si lascia trascinare dal suo Professore/Colonnello in un assurdo crescendo che travalica i confini della letteratura per giungere al comico asciutto e totale del teatro.

A.G.

coupon céline

Céline sul métro, 2017 Teatro Astra

Interpreti: Eleni Molos, Gianluigi Pizzetti,
drammaturgia e regia: Alberto Gozzi

Nella Francia del secondo dopoguerra, la vita letteraria ritrova le sue istituzioni e i suoi riti, ma il tessuto del Paese è ancora lacerato dalla ferita profonda che il maresciallo Pétain ha inferto ai francesi col suo regime collaborazionista di Vichy. Si cercano capri espiatori, veri o presunti, come per cancellare nel più breve tempo possibile una macchia che dovrà invece durare per molto tempo. Louis Ferdinand Céline è un bersaglio ideale: il suo atteggiamento favorevole al Nazismo, rafforzato dai suoi libelli antisemiti e dall’aura di maledetto che lo avvolge, hanno plasmato  un mostro da non sbattere in prima pagina, ma da tenere ai margini e relegare all’oblio. Contro questa condanna alla morte civile, Céline decide di reagire scrivendo Colloqui col Professor Y, e lo fa servendosi di uno strumento banale, quotidiano (talvolta anche noioso, bisogna dirlo): un’intervista letteraria che dovrebbe reinserirlo nel flusso dei media. Ma l’intervista è ambientata in un palcoscenico sul quale l’autore mette in scena un se stesso torrentizio, un Céline al quadrato che nella metamorfosi teatrale diventa maschera e parodia dell’originale; quanto all’intervistatore, è una creatura tanto inventata quanto improbabile; perfino la sua identità è posticcia e provvisoria: all’inizio è quella di un sedicente professor Y, meschino, supponente, arrivista, piccoloborghese, che successivamente si rivelerà per un ancor meno credibile Colonnello Réseda. Cos’ha a che vedere un Colonnello con la letteratura? Niente, e sembra proprio che Céline si costruisca questo interlocutore tanto estraneo e malevolo per usarlo come un punging ball mentre ricostruisce le tecniche dei suoi romanzi, distrugge gli autori patacca, si scaglia contro il sistema mediatico. Ma come ogni burattinaio finisce per essere dipendente dalla sua marionetta, così Céline si lascia trascinare dal suo Professore/Colonnello in un assurdo crescendo che travalica i confini della letteratura per giungere al comico asciutto e totale del teatro.

A.G.

CÉLINE SUL MÉTRO a poche ore dal debutto. Teatro Astra, da oggi al 26 novembre

IMG_7180

Céline nel métro, verso il finale. Gianluigi Pizzetti, Eleni Molos, la scenografa e costumista Augusta Tibaldeschi, attrice di complemento.
Foto dalle prove di Giuseppe Campanale.

La prova generale è stata costellata da disguidi tecnici. Nessuno ha cuore di consolarsi col luogo comune “generale tormentata, prima fortunata”; il debutto è per oggi pomeriggio alle 16 e le ore per rimediare non sono molte.
Il teatro di mattina ha uno strano sapore.
Ritorna in mente il clima della sala prove, quando tutto girava bene.

coupon céline

 

CÉLINE SUL MÉTRO da questa sera al 26 novembre. Teatro Astra

Copia di MANIFESTO 3 Travestimenti CELINE

Nella Francia del secondo dopoguerra, la vita letteraria ritrova le sue istituzioni e i suoi riti, ma il tessuto del Paese è ancora lacerato dalla ferita profonda che il maresciallo Pétain ha inferto ai francesi col suo regime collaborazionista di Vichy. Si cercano capri espiatori, veri o presunti, come per cancellare nel più breve tempo possibile una macchia che dovrà invece durare per molto tempo. Louis Ferdinand Céline è un bersaglio ideale: il suo atteggiamento favorevole al Nazismo, rafforzato dai suoi libelli antisemiti e dall’aura di maledetto che lo avvolge, hanno plasmato  un mostro da non sbattere in prima pagina, ma da tenere ai margini e relegare all’oblio. Contro questa condanna alla morte civile, Céline decide di reagire scrivendo Colloqui col Professor Y, e lo fa servendosi di uno strumento banale, quotidiano (talvolta anche noioso, bisogna dirlo): un’intervista letteraria che dovrebbe reinserirlo nel flusso dei media. Ma l’intervista è ambientata in un palcoscenico sul quale l’autore mette in scena un se stesso torrentizio, un Céline al quadrato che nella metamorfosi teatrale diventa maschera e parodia dell’originale; quanto all’intervistatore, è una creatura tanto inventata quanto improbabile; perfino la sua identità è posticcia e provvisoria: all’inizio è quella di un sedicente professor Y, meschino, supponente, arrivista, piccoloborghese, che successivamente si rivelerà per un ancor meno credibile Colonnello Réseda. Cos’ha a che vedere un Colonnello con la letteratura? Niente, e sembra proprio che Céline si costruisca questo interlocutore tanto estraneo e malevolo per usarlo come un punging ball mentre ricostruisce le tecniche dei suoi romanzi, distrugge gli autori patacca, si scaglia contro il sistema mediatico. Ma come ogni burattinaio finisce per essere dipendente dalla sua marionetta, così Céline si lascia trascinare dal suo Professore/Colonnello in un assurdo crescendo che travalica i confini della letteratura per giungere al comico asciutto e totale del teatro.

A.G.

Prova generale di CÉLINE SUL MÉTRO, in scena al Teatro Astra da domani al 26 dicembre

IMG_7187

Gianluigi Pizzetti (Céline) ed Eleni Molos, (Professor Y, poi colonnello Réséda)
foto di Giuseppe Campanale

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: