Il libro della luna piena

 

Super-Luna.jpg

Il Libraio ci racconta una bella favola nordica (che sicuramente risponde a verità ma che non per questo perde il suo alone): nelle notti di luna piena, Dagur Hjartarson e Ragnar Helgi Ólafsson, i fondatori della casa editrice Tunglið (Islanda) stampano i nuovi titoli del loro catalogo. I lettori (pochi eletti, presumo, e molto informati) devono fare in fretta se vogliono acquistarli, perché dopo poche ore le copie invendute saranno bruciate. Proprio in questi giorni mi è capitato di leggere (o di vedere in tv, è sempre più difficile ricostruire i percorsi capillari dell’informazione) una notizia che mi ha colpito per la sua marginalità: sta tornando la griffe. A me pareva che non se ne fosse mai andata, invece una guru procace ci spiegava che da qualche anno i consumatori non ambivano più ad andare in giro con il torace marchiato da una scritta come “Baci e abbracci” o simili e che avevano incominciato a scegliere etichette meno clamorose. Questo periodo di sobrietà me lo sono perso, e ormai non torna più perché la supergriffe è alle porte: ma rivisitata con ironia, spiegava la guru, cioè grande come l’intero prodotto. Comprate una valigia di 71X58? Quella sarà la misura del marchio. Un paio di scarpe misura 44? il marchio sarà di 28, 5 centimetri. E così via. (Più che di ironia, sembrerebbe trattarsi di enfasi, ma le guru del fashion hanno misure retoriche tutte loro). Contrariamente ai libri della casa editrice Tunglið, quella valigia e quelle scarpe saranno sempre disponibili, tanto che se non li andrete a cercare verranno loro a casa vostra mescolandosi ai vostri post su fb e alle vostre mal.
Sono due diversi modi di affrontare il mercato, la prima elitaria con sfumature iniziatico-gotiche, la seconda aggressiva e caciarona. La prima mi ricorda il ciclo vitale (chiamiamolo così) di certi piccoli spettacoli: pochissimi sanno dove si svolgeranno, e per poche repliche, spesso con mezza platea; la seconda, quello di spettacoloni, promossi perfino da Marzullo, che tengono il cartellone per qualche mese. Ambedue finiranno nell’impalpabile della dimenticanza, e sarà premio l’averli visti o, viceversa, avere avuto il fiuto di evitarli. (Premi comunque simbolici, nell’un caso e nell’altro)

 

Emiliano Morreale, Ricordo di Gigi Burruano (“Le parole e le cose”)

image

http://www.leparoleelecose.it/?p=29082#more-29082

“Luigi Maria Burruano, detto Gigi, era molto semplicemente uno dei maggiori attori che avesse l’Italia. Grazie al cinema in molti se ne erano accorti, seppure di sfuggita. Ma comunque sulla stampa nazionale la sua morte è stata consegnata a qualche trafiletto. Se ne è ricordata, ovviamente, la città di Palermo, per la quale Burruano era un mito. Certo, lo si è detto: una carriera bruciata, stravizi, alcol, un malo carattere che lo aveva fatto finire anche in carcere,”

Il video della domenica. Maria Dolores Pesce, THE THEACHER. Pedagogia della normalità

Bratislava anni 80, ma una scuola media “normale”, con tanti ragazzi altrettanto “normali”, ed una nuova insegnante di Russo che appare simpatica, affettuosa e disponibile. Poco interessante finora, direte voi, ma il primo appello è già sottilmente distopico. La professoressa chiede ad ogni suo alunno il mestiere dei genitori. All’apparenza anche questo è normale, soprattutto per noi italiani, ma la catena degli eventi che ne seguono ribalta quella presunta normalità, scatenando conflitti interiori ed esterni che sfiorano la tragedia. Parliamo di The Teachear, che circola inspiegabilmente sotto-tono per le nostre sale, quelle da amatori per intenderci. Ne parliamo perché in quella narrazione si intravvede l’essenza della natura umana, i suoi limiti e le sue cadute ma anche la sua forza, una essenza che qui si svela molto di più che in eventi eccezionali o in elucubrazioni pseudo-filosofiche con poca estetica. L’essenza umana quale tutti ci accompagna e tutti ci accomuna e che è bene ricordare come prossima e da vivere direttamente e non attraverso l’altrui narrazione. Slovacchia anni 2000, una scuola media “normale”, con ragazzi altrettanto “normali” ed una nuova insegnante di Inglese che appare simpatica, disponibile e affettuosa e che all’appello chiede ad ogni alunno il mestiere dei loro genitori … il resto a noi. De te fabula narratur.

Maria Dolores Pesce

Alberto Mittone, Fulvio Gianaria, UCCIDERE SENZA UN PERCHE’ (da Doppio zero)

image

http://www.doppiozero.com/materiali/uccidere-senza-un-perche

“I protagonisti, assassini poi confessi, sono due minorenni, rampolli vezzeggiati di ricche famiglie cui nulla manca, annoiati e alla ricerca di emozioni, legati tra loro da un vincolo stretto e sessualmente ambiguo. Una coppia che diviene criminale, così per i penalisti classici, in cui i ruoli di servo e padrone, di capo ed esecutore, di dominante e dominato sono solo apparenti.
Organizzano, per dimostrare la loro intelligenza e superiorità, un piano. Quello più raffinato e tragico: fingere un sequestro di persona per denaro, ucciderla invece per timore di essere riconosciuti, nascondere il cadavere e intascare la somma, cui peraltro sono indifferenti perché ricchi.”

Il video della domenica. KAREN LIN, PERFECTION. 6′

La ricerca della perfezione può essere un additivo molto efficace, o addirittura lo scopo di una vita. Fino a quando regge.
Molto apprezzabile il bianco e nero (morigerato, senza snobismi), così come il montaggio e la rappresentazione simbolica, solo apparentemente banale, dello scorrere del tempo.

 

 

Restare o diventare bambini. Laura Facchi, Il salto dell’elastico (da Doppiozero)

image

http://www.doppiozero.com/materiali/speciali/il-salto-dellelastico

“Costava poco, lo vendevano in tutte le mercerie e le mercerie abbondavano, se ne trovavano in ogni quartiere di grande città e nei piccoli paesi ce n’erano almeno due. Vendevano fili, bottoni, cerniere, aghi, spille e gli elastici. Quelli comuni, per le mutande: tutte le mamme avevano a casa un rotolo di elastico per le mutande che si allargavano o i pantaloni della tuta troppo lunghi che con un giro di elastico sul bordo caviglia smettevano di infilarsi nei raggi della bicicletta.”

 

Gli Arditi del web e altre esalazioni

I cunicoli del Trash s’incrociano e formano micidiali grovigli di stupidità. Una mattina, scorrendo il mattinale dei social, si scopre che Antonio Ricci ha scelto le sue nuove veline, una bionda e una bruna, secondo i protocolli del supermarket televisivo. L’annoso rituale (ventennale?, secolare?, chi lo può dire?) si sarebbe svolto, come sempre, nell’indifferenza generale, se non fossero intervenuti gli Arditi del web, le Sentinelle della razza ariana e del lavoro italiano con l’ormai consueta caterva di insulti inconsulti;
La mora, Shaila Gatta, è di Napoli, quindi va bene (da qualche tempo persino ai leghisti), ma nella bionda c’è la magagna; infatti Mikaela Neaze Silva, 23 anni, non è italiana, anche se vive a Camogli da quando era bambina. Peggio ancora: non solo è nata a Mosca, ma è anche figlia di padre angolano e di mamma afgana.
La canea degli Arditi spinge a sapere qualcosa di più sulle due ragazze, che troviamo in un brevissimo video su Youtube. Colonna sonora: “Eine kleine nachtmusik”, l’innocente (all’origine) serenata di Mozart che nel tempo sarebbe stata triturata dagli spot pubblicitari, dalle segreterie telefoniche, dai flautini traversi dei bimbi delle elementari, dalle dispense di storia della musica che periodicamente riaffiorano in edicola e che garantiscono ai profani l’accesso al Sublime (tramite l’Emozione) dietro il modico esborso di tre euro e cinquanta. Il mix comunicativo provoca un corto circuito nel quale sembra che esista un senso, ma troppo oscuro e contorto per essere enunciato. Nell’aria ristagna una nube nella quale si addensano imbecillità, kitsch e razzismo, cinismo culturale e altre sostanze pesanti. Non esistono rilevatori d’inquinamento che tradurle in valori numerici.  ma questo non le rende meno nocive.

 

1973. L’ultimo discorso di Allende (sottotitolato): “La storia è nostra e la fanno i popoli”. 7′

L’audio è disturbato, ma i sottotitoli in italiano sono chiari, non meno del messaggio dello stesso Allende. 

 

Foto d’autore. HELMUT NEWTON, UNA PAUSA NELL’ALTROVE

Helmut Newton.donna si fa accendere sigaretta.jpg

La macchina della seduzione è completa in tutte le sue parti: il vestito è di un rosso maturo, così come la bocca; il lungo triangolo della scollatura attenua il suo rigore geometrico assecondando su uno dei suoi lati obliqui la curva del corpo; l’incarnato della signora è pallido ma non cereo, dunque vivo; gli occhi socchiusi sono uno degli ingredienti canonici dell’impaginazione erotica. Ma l’ancora il libro aperto nella parte bassa dell’immagine ci dice che la signora, dopo l’accensione della sigaretta, proseguirà la lettura. L’uomo senza volto è un comprimario che, svolta la sua funzione, tornerà  nel suo angolo rimanendo a disposizione. Può anche occupare la (lunga?) attesa che lo aspetta consumandosi nel desiderio  – la cosa non riguarda certo la signora che fra un attimo ritornerà nel suo altrove di lettrice.

Roberto Gilodi, WALTER BENJAMIN, IL CANTIERE (da “Doppiozero”)

image

http://www.doppiozero.com/materiali/walter-benjamin-il-cantiere

“Scervellarsi pedantescamente per realizzare prodotti — siano essi immagini, giocattoli o libri — adatti ai bambini è folle. Fin dall’Illuminismo questa è una delle fissazioni più ammuffite dei pedagoghi. Totalmente infatuati per la psicologia, non si accorgono che il mondo è pieno di cose che sono oggetto di interesse e di cimento per i bambini; e si tratta delle più azzeccate,”

Il video della domenica. JAN SVANKMAJER, CREEPY ALICE

Sintesi di un lungometraggio tratto da Alice nel paese delle meraviglie, il video mantiene fede al suo titolo e riscatta il capolavoro di Carroll dalla vaniglia disneyana, nonché dalla impropria etichetta di “libro per ragazzi”. Si potrebbe dire che il racconto di Svankmejer presenta delle analogie con la fine del Pinocchio collodiano: la protagonista, all’inizio, è una bambola che si trasforma in essere umano quando inizia il suo fantastico viaggio (l’umanità è un pre-requisito per un viaggio davvero formativo?). Il mondo che Alice scopre nel dipanarsi delle sue avventure non è comunque comunque meraviglioso: assomiglia piuttosto a un incubo che, pur concepito dall’autore nell’ormai lontano 1988, ha i tratti squallidi e orrifici dei nostri anni.

Francesco Pecoraro, Etica western (“Le parole a le cose”)

image

http://www.leparoleelecose.it/?p=28568#more-28568

“Noi baby boomers – prima di essere rivoluzionari sessuali, sessantottini confusi, simpatizzanti/militanti, opportunisti integrati, socialisti corrotti, radical chic/disoccupati cronici e infine parassiti in pensione – agli inizi, ma veramente agli inizi, eravamo western. Voglio dire che noi baby boomers – prima di essere cattolici, o meglio, in concomitanza con l’andare in parrocchia per giocare a calcio, ping pong e a respirare una gran quantità di polvere e religioso senso di colpa – eravamo cowboy interiori. O meglio lo stavamo diventando a furia di vedere film western americani. Di serie A e soprattutto B.”

Il video della domenica. ALEXIA MEADE, l’illusione del reale

Fino a qualche tempo fa, c’erano i cartoni animati. Adesso, vengono chiamati sbrigativamente cartoni, anche perché ai bambini (ma anche ai loro genitori) sembra del tutto normale che un pupazzo disegnato prenda vita e abbia un’anima, o addirittura un contorto e a volte patologico profilo psicologico – le risorse tecnologiche hanno azzerato il miracolo, e se oggi un profeta camminasse sulle acque davanti a centomila persone alla luce del crepuscolo, molti spettatori direbbero: “Sì, d’accordo, ma potevano curare un po’ di più il lighting design e mettere uno straccio di colonna sonora. Per fortuna l’ingresso era libero”.
Alexia Meade crea un corto circuito che, se non proprio miracoloso, è certamente virtuoso nel suo giocare fra reale e irreale, fra la concretezza del corpo e l’ingannevole stilizzazione del soggetto “dipinto” (in senso letterale). E con questo, capovolge con leggiadria il metro del realismo, quello, per intenderci, che fa dire al visitatore di una mostra: “Che bello, sembra vero!”

L’ultimo angolo di estate. Malika Favre

Malika_Favre_piscina_20.jpg

L’ultimo angolo di estate, quello disegnato da Malika Favre, è anche l’unico praticabile. Senza musica, senza AcquaGym (quindi senza l’istruttore che grida: “Su, in alto, quelle mani!”), senza bagnanti a mollo, senza camminatori nel bagnasciuga (perché passeggiare nell’acqua fa bene ai polpacci e alla circolazione), senza lo spettacolo dei corpi. Un angolo silente, come solo un’immagine sa essere, in cui vive la nuotatrice muta. Un habitat geometrico, minimale e ironico (quei due sandaletti giapponesi da cinque euro, che farebbero dare in escandescenze Briatore).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: