I VOSTRI PREFERITI DI FEBBRAIO

DICKINSONSfiorare, passando, il desiderio. EMILY DICKINSON, LETTERA A OTIS PHILLIPS LORD

 

 

 

argillaLa fantasiosa argilla di Frankenstein. JAN SVANKMAJER, BODY (animazione) 7′  

 

 

GABERPer non parlare solo di satira, l’Invettiva. GABER, IO SE FOSSI DIO.

 

 

parkerIl silenzio corre sul filo. DOROTHY PARKER, UNA TELEFONATA

Le sceneggiate del generale. Una lettera di Napoleone a Joséphine

Metti una sera a cena un generale dalla redingote lisa, una dama un po’ più matura, con più charme che reputazione, ben piazzata in società grazie a nozze ben riuscite e ben concluse. Metti che il generale abbia grandi ambizioni sociali e minima esperienza amorosa, giusto qualche compagnìa sul campo di battaglia e un fidanzamento finito male. Metti che la donna, sentendosi un po’ avvizzitella, ceda senza al giovane appassionato che pure – dicono i maligni – la corteggia per ripiego. Finisce allora che il 7 marzo il generale è reclutato per condurre l’Armata d’Italia, l’8 firma il contratto di matrimonio, il 9 si sposa e l’11 parte al fronte.
E poi lettere su lettere, piene zeppe di quella retorica sentimentale assorbita dai romanzi di cui è ghiotto e che è perfetta per rendere più teatrali le solenni sceneggiate di un animo “forte e deciso” alle prese con un campo di battaglia sconosciuto e più difficile da gestire che un esercito intero.
D’altronde se ti chiami Napoleone Bonaparte non puoi mica scrivere letterine all’acqua di rose, e tanto peggio se suonano un po’ fasulle.

di Roberta Sapino

lettera napoleone

A cosa serve la Letteratura? Video

letteratura internazionalehttp://www.internazionale.it/video

Lo confesso: mi lasciano perplesso gli insegnanti, i genitori, la tv (Pubblicità Progresso) e in generale tutti gli educatori ansiosi che cercano di indurre un ragazzo alla lettura sostenendo che si tratta di una pratica importante, coinvolgente, formativa, rigenerante, e anche, sull’onda dell’entusiasmo, facile. Ecco, facile, no: sarebbe come tentar di convincere qualcuno che una passeggiata di quattro ore in montagna, sotto il sole d’agosto, non produce nemmeno una stilla di sudore. Meglio spiegare, se ci si riesce, che quella fatica ha un senso.
Mi sono imbattuto per caso in un video realizzato dallo scrittore svizzero Alain Botton e pubblicato da Internazionale: “Perché la letteratura ci aiuta a vivere meglio”; confesso che non mi ero mai posto il problema e mi sono meravigliato che qualcuno si facesse carico di una dimostrazione tanto politicamente corretta da sembrare inutile. Dopo la visione del video, peraltro inappuntabile, le mie perplessità sono rimase: questa visione finalistica, se non addirittura utilitaristica, della Letteratura mi ha ricordato il vecchio olio di fegato di merluzzo che un tempo i genitori somministravano ai figli perché “faceva bene”; una volta non si davano tante spiegazioni  ai bambini, gli si turava il naso e si procedeva con la fetida cucchiaiata; Alain Bottom, invece, s’impegna e ci spiega scrupolosamente tutte le buone ragioni per cui si dovrebbe leggere: sono undici. Forse qualcuno, un giorno, realizzerà un video per dimostrare quanto giovino alla  qualità della nostra vita le albe, i tramonti, il salmastro del mare, il saltellare del ruscello fra due strette rive rocciose, il canto degli uccelli sullo sfondo del cielo terso, in un giorno di primavera.

A proposito di gufi, ma di tutt’altro genere. AUGUSTO MONTERROSO, IL GUFO CHE VOLEVA SALVARE L’UMANITA’

gufo con luna grande

Prima di essere esibiti, spintonati e strattonati sulla passerella del lessico politico, dove rimediano solo sberleffi e polemiche, gli animali hanno soggiornato dignitosamente nel dipartimento dell’allegoria e, quando volevano sgranchirsi le gambe, se ne andavano a fare quattro passi nel giardino della favola dove trovavano autori di tutto rispetto che li trattavano con garbo e affettuosa ironia. Uno dei più recenti, nostro contemporaneo, è il guatemalteco Augusto Monterroso, (di cui abbiamo pubblicato un racconto, alcuni mesi fa), che si inserisce sulla più limpida tradizione della favola con questo gufo (del tutto estraneo, per sua fortuna, ai suoi sfortunati colleghi che vengono continuamente evocati nei talk show).

Nel più profondo della Foresta visse in tempi lontani un Gufo che cominciò a preoccuparsi per gli altri.
Di conseguenza prese a meditare sulle manifeste malvagità che commetteva il Leone con il suo potere; sulla debolezza della Formica, che veniva schiacciata tutti i giorni; sul riso della Iena, che non cadeva mai a proposito; sul Ragno che cattura la Mosca e sulla Mosca che si lascia catturare dal Ragno, su tutti i difetti, infine, che rendevano l’Umanità disgraziata, e cominciò a pensare al modo di porvi rimedio.
Ben presto prese l’abitudine di vegliare e di andare in strada ad osservare il comportamento della gente.
Dimodoché alcuni anni dopo acquisì una grande capacità di classificare, e sapeva con sicurezza quando il Leone avrebbe ruggito e quando la Iena avrebbe riso, e cosa avrebbe fatto il Topo di campagna quando fosse andato a visitare quello di città, e quel che avrebbe fatto il Corvo quando gli avessero detto che cantava così bene.
E infine concludeva:
«Se il Leone non facesse quello che fa ma piuttosto quello che fa il Cavallo, ed il Cavallo non facesse quello che fa ma piuttosto quello che fa il Leone; e se il Boa non facesse quello che fa ma piuttosto quello che fa il Vitello ed il Vitello non facesse quello che fa ma piuttosto quello che fa il Boa, e così via fino all’infinito, l’Umanità si salverebbe e tutti vivrebbero il pace».
Ma gli altri animali non apprezzavano gli sforzi del Gufo, per quanto egli credesse che lo credessero saggio; mentre invece pensavano che fosse stupido, non si rendevano conto della profondità del suo pensiero, e continuavano a mangiarsi gli uni con gli altri, tranne il Gufo, che non era mangiato da nessuno e non mangiava nessuno.

Augusto Monterroso, Il gufo che voleva salvare l’Umanità, “La pecora nera e altre favole”, Sellerio, Traduzione Maria Teresa Marzilla

Luca Ronconi, il teatro irriducibile

ronconi angelicaNella comunicazione mediatica, la ritualità che accompagna l’uscita di scena dei grandi personaggi opera con un coltello dalla lama piuttosto grossolana e frettolosa. Si sa: i tempi televisivi sono ristretti… la grande platea mediatica non sopporta i distinguo… un telegiornale non è la sede per un discorso critico… ci sono le sedi opportune per i necessari approfondimenti… Infatti ieri sera Rai 5 ha dedicato la programmazione all’opera di Luca Ronconi trasmettendo la versione de L’Orlando furioso che il regista aveva allestito per la tv nel 1975. Visto il carattere culturale del canale, credo che si sarebbe dovuto far precedere la trasmissione da un lungo e articolato dibattito (magari anche un po’ pedante, visto che Rai 5 è un canale di nicchia) sulla intraducibilità di quest’opera che nel 1969 aveva segnato uno spartiacque nella ricerca dello stesso Ronconi e nella storia del teatro italiano. La rilettura di Ronconi e Sanguineti, aveva sottratto il poema ariostesco alla dimensione claustrofobica del teatro restituendolo agli spazi aperti e a quell’aria che circola incessantemente nell’opera originaria; le azioni sceniche avvenivano simultaneamente e di conseguenza si operava una rottura del concetto di platea mettendo il pubblico nella necessità di scegliere quale sequenza seguire; le macchine sceniche, che tanta importanza avrebbero avuto nella drammaturgia ronconiana, si stagliavano nella piazza modificandone per una sera la morfologia. Tutto questo non poteva essere rinchiuso nella scatoletta televisiva; era evidente fin dalle premesse che quella riscrittura non poteva restituire la forza e l’evidenza di uno spettacolo memorabile, ma questo andava ricordato, come prologo critico e magari anche scomodo prima della trasmissione.
Ricordo una breve intervista radiofonica di Ronconi che risale, direi, a una ventina d’anni fa; una giovane intervistatrice gli poneva una domanda che a quei tempi era quasi di rigore: “Che cosa pensa del rapporto fra teatro e televisione? Pensa che la tv possa essere utile al teatro?” Alla quale Ronconi rispondeva, con un certo understatement: “Non saprei… c’è già tanta televisione nel nostro teatro…”

Integralismi, globalizzazione, narcisismi. EDOARDO SANGUINETI, “IO E’ UN ALTRO”

sanguineti02g

GRISELDA“IO E’ UN ALTRO, UNO SLOGAN PER LA LOTTA AL NARCISISMO”. Integralismi, globalizzazione, narcisismi nell’intervista di Riccardo Bonavita a Edoardo Sanguineti, pubblicata su griseldaonline,  il portale di letteratura del dipartimento di italianistica dell’Università di Bologna. L’intervista è del 2002: in tredici anni lo scenario mondiale è profondamente mutato e la questione islamica si è caricata di implicazioni e di urgenze allora impensabili ma la lettura che ne fa Sanguineti si rivela ancora oggi preziosa, necessaria.

 http://www.griseldaonline.it/temi/l-altro/io-e-un-altro-intervista-riccardo-bonavita-sanguineti.html

 

Il video della domenica. WES ANDERSON, HOTEL CHEVALIER. 13′

hotel chevalierhttps://www.youtube.com/watch?v=fjBAafy6cJo

a cura di Francesco Ghisi

La luce è giallo senape con riflessi oro antico, così come si addice a un albergo di alto livello ma il colore è carico, invadente, come lo è sempre il lusso quando pretende di essere anche di buon gusto. Per fortuna, sul finale si apre una finestra e irrompe il celeste di un giorno ancora bambino che avvolge una Parigi immobile nei pochi minuti di sonno prima del risveglio. Respiriamo, e con noi respirano anche i due attori di questa storia d’amore dai contorni incerti. C’è un uomo solo, asseragliato in una suite dell’hotel Chevalier, forse è fuggito da quella donna che gli telefona e che di lì a poco si ritaglia nel vano della porta. È una riconciliazione, il finale di un inseguimento, una resa dei conti?
Il video ha il fascino dei racconti sospesi (quando sono tagliati al punto giusto) e si avvale di due interpreti davvero notevoli come Jason Schwartzman e Natalie Portman, di una colonna sonora struggente (“Where Do You Go To”, di Peter Sarstedt) e di un ottimo direttore della fotografia ingiustamente non ricordato. 

P.S. Le didascalie in italiano lasciano a desiderare ma in rete non abbiamo trovato una versione migliore. La dicitura dei titoli di testa “Part 2” inganna: il video è compiutamente risolto.

Il video della domenica. Giorgia O’Brien (da non perdere)

giorgia a 2 senza raihttps://www.youtube.com/watch?v=9M43frkGfjg

L’avevo vista sul palcoscenico, dove sfoggiava una voce capace di passare dai toni del baritono a quelli del soprano con disarmante naturalezza e mi sorpresi a pensare, poco dopo quella sua esibizione,  che avrebbe figurato benissimo in uno sceneggiato radiofonico a puntate al quale avevo incominciato a lavorare, il Candido, di Voltaire. Nella riscrittura del romanzo avevo introdotto un personaggio jolly, la balia della protagonista femminile Cunegonda, con funzioni di coro e mi pareva che le due voci dalle quali era abitata Giorgia avrebbero accompagnato la sperduta fanciulla nelle sue miserevoli peripezie come le due voci genitoriali dalle quali non riusciva a staccarsi. Quando entrammo nello studio radiofonico, fu quasi inevitabile, fisiologico che Giorgia, oltre a recitare, incominciasse a cantare al microfono, così alcune parti di quello sceneggiato divennero, oltre che avventurose e filosofiche, anche musicali.
Mentre si dipanava il romanzo di Candido, scorreva parallelo anche quello della vita di Giorgia che a cena ne raccontava alcuni capitoli, sollecitata dai colleghi. Il Fascismo: durante le adunate, Giorgia, all’epoca ancora Giorgio, istintivamente si allineava con le Piccole italiane anziché coi Balilla. L’addio a Palermo dopo la rottura coi genitori (ma la madre, di nascosto, andò a Roma per il debutto teatrale del figlio, nel frattempo divenuto figlia). Il capitolo più  avvincente riguarda l’operazione a Casablanca, col chirurgo che durante la visita preliminare cade in un silenzio estatico (inginocchiandosi, secondo il racconto) di fronte all’ermafroditismo di Giorgia. E folgorante, dopo l’operazione felicemente conclusa, il gossip del chirurgo: “Questo stesso intervento l’ho effettuato, poco tempo fa (eravamo nel 1970, N.d.R.) su un intellettuale italiano molto famoso che oggi continua a indossare gli abiti maschili di sempre ma che porta a spasso un gioiello segreto come quello che ho realizzato su di lei”. Il chirurgo non volle e non poté dire di più. Il mistero del famoso intellettuale italiano col gioiello segreto rimane.
Nel romanzo che andava dipanando a puntate, Giorgia non raccontava dei suoi successi né delle sue collaborazioni con personaggi come Chéreau, Giuseppe Bertolucci, Gregoretti, Bussotti, ecc. perché durante una cena conviviale non si parla di lavoro, ci si siede e si gusta la vita dopo aver messo a capotavola i due ospiti d’onore, la Leggerezza e l’Ironia.

Ricette coniugali. HOREA GARBEA, FUNGHI AL POMODORO

Schermata 2016-06-29 alle 17.07.23.png

Confesso che non so nulla dello scrittore romeno Horea Garbea tranne le poche notizie che ho trovato sulla scheda di Wikipedia; ho scoperto questo suo breve racconto su griseldanoline, lo splendido portale di letteratura dell’Università di Bologna, che fra i molti saggi di alto livello propone qualche testo creativo di grande interesse, come questo Funghi al pomodoro dal quale sono stato conquistato: la sua scrittura sapiente e lineare fa risaltare l’humour noir  che pervade il racconto e che Garbea governa con l’impassibile serietà del comico di razza.

Dopo la pioggia spuntano i funghi. Almeno nei boschi. In città però spuntano le pozzanghere. Nessun sindaco bucarestino è riuscito a sostituire le pozzanghere con i funghi.
Ieri è piovuto. Dopo che è cessata la pioggia la mia vicina, la signora Vali, ha litigato furiosamente col marito Ene, perché, secondo lei, lui aveva votato per un sindaco che non aveva risolto il problema delle pozzanghere della mia strada che porta il nome di un quaranttotino. Ecco perché la signora Vali è dovuta andare al mercato attraversando delle pozzanghere. Al mercato ha comperato anche un chilo di funghi bagnati.
La signora Vali ha mondato i funghi con un coltello talmente affilato che sarebbe potuto diventare il corpo del reato in un delitto coniugale, ma non l’ha conficcato nel costato del marito. Poi ha lessato i funghi in acqua bollente che se fosse stata versata in testa ad un uomo l’avrebbe ammazzato. Ene l’ha scampata di nuovo.
La donna ha fatto saltare un po’ nel burro i funghi lessati insieme con della cipolla finemente tritata, mescolando in continuazione in una vecchia teglia di rame, che sbattuta in testa al compagno di vita l’avrebbe mandato direttamente all’obitorio. Ha aggiunto succo di pomodoro. Il signor Ene aveva detto mille volte alla signora Vali che se avesse continuato a mettere il succo di pomodori nella dispensa accanto al verderame avrebbe finito per confonderli. Ma lei non ha sbagliato la bottiglia nemmeno questa volta. Ha aggiunto sale, pepe, un po’ di dado. Quando la salsa si è ristretta abbastanza la signora Vali ha chiamato con voce arrabbiata il signor Ene in cucina, dove aveva apparecchiato per due. Ma lei non ha toccato il piatto di funghi. Ha preferito mangiare un po’ di formaggio. Diceva che non aveva per niente fame.
Se fossi uno di quegli autori che si rispetta scriverei che i funghi erano velenosi, che la signora Vali lo sapeva, perché non li aveva comperati ma li aveva coltivati appositamente, che il signor Ene ha pagato con la vita il suo poco ispirato voto e l’incompetenza del sindaco.
Siccome non sono uno di quegli autori devo confessare che non so esattamente cosa sia successo al signor Ene e nemmeno se quel giorno o un altro. Probabilmente è stato solo un incidente.

Horea Garbea, Funghi al pomodoro, griseldaonline, Traduzione Gabriela Lungu

Riscritture. QUELLI CHE… da Prévert a Jannacci

prévert jannacci fumetto

https://www.youtube.com/watch?v=T-zuUwgjQpo

Negli anni Sessanta, Jacques Prévert era considerato il poeta degli innamorati (“I ragazzi che si amano si baciano in piedi/Contro le porte della notte”), le sue raccolte di poesie, ahilui, erano l’alternativa colta ai Baci Perugina (a volte i due prodotti erano complementari); qualche attrice in età ma  di cuore ancora caldo si esibiva in recital prévertiani (con l’accompagnamento di un pianista compunto) illudendosi di far rivivere in palcoscenico, grazie alle luci e al trucco, la ragazza amorosetta che era stata fino a una ventina d’anni prima. Sia gli innamorati che le attrici, presi com’erano dalle rispettive urgenze sentimentali, ignoravano il primo Prévert, quello che dagli anni ’20 e per un decennio milita tra i surrealisti, e d’altro canto era abbastanza logico: Surrealismo e innamorati sono due categorie del tutto incompatibili. C’è invece una notevole analogia fra un componimento del Prévert surrealista (1931), Tentativo di descrizione d’un banchetto a Parigi (Francia) e una famosa canzone di Jannacci, Quelli che, registrata nel 1975. Sarebbe del tutto improprio parlare di uno Jannacci post-surrealista, ma è innegabile che le due composizioni hanno lo stesso impianto: potete voi stessi confrontarle ascoltando la canzone Quelli che  https://www.youtube.com/watch?v=T-zuUwgjQpo mentre scorrete con gli occhi il testo di Prévert che riportiamo.

 Tentativo di descrizione d’un banchetto a Parigi (Francia)

Quelli che piamente…
Quelli che copiosamente…
Quelli che tricolorano
Quelli che inaugurano
Quelli che credono
Quelli che credono di vedere
Quelli che credono nel credito
Quelli che piumeggiano
Quelli che sgranocchiano
Quelli che andromacano
Quelli che vittoriovaneggiano
Quelli che maiuscolano
Quelli che cantano a tempo
Quelli che tirano i piedi e li lucidano
Quelli che ventreggiano
Quelli che chinano i rai
Quelli che sanno spartire il pollo
Quelli che son calvi dentro il cranio
Quelli che benedicono i labari
Quelli che rendono gli “onori del piede”
Quelli che si levino i morti
Quelli che baionettincannano
Quelli che danno i cannoni ai bambini
Quelli che danno i bambini ai cannoni
Quelli che fluttuano ma non s’immergono
Quelli che non prendono il Pireo per un uomo
Quelli che libertà han sì cara come sa chi per lei tasse rifiuta
Quelli che in sogno piantano cocci di bottiglia sulla grande muraglia della Cina
……………………………………………………………………

Jacques PrévertTentativo di descrizione d’un banchetto a Parigi (Francia)
“Antologia  dello humour nero”, Einaudi, Traduzione Mariella Rossetti e Ippolito Simonis

Per non parlare solo di satira, l’Invettiva. GABER, IO SE FOSSI DIO.

GABER

https://www.youtube.com/watch?v=S3Fn7C7awqw

Tanti anni fa – anzi, meglio essere precisi, la data conta: era il 1980 – mi trovai ad essere coautore di un Famoso Giornalista per una trasmissione di rai 2 della quale curai anche la regia. La trasmissione prevedeva un’interminabile galleria di personaggi della vita politica, artistica, imprenditoriale ecc. italiana: da Agnelli a Mastroianni, Andreotti, Fellini, Missoni, Scalfari, Pajetta, e tanti altri. Parve opportuno, al F.G e a me, inserire in questa galleria variegata anche Giorgio Gaber. Ci ricevette, un dopocena, a casa sua, per una chiacchierata preliminare; avrebbe partecipato di buon grado alla trasmissione ma, si capì subito, la cosa che maggiormente gli interessava era parlare della composizione, Io se fossi Dio, che aveva appena terminato in quei giorni. Parlarne e farne ascoltare, magari, un breve estratto, visto che durava circa un quarto d’ora. Un Gaber inedito era un’occasione ghiotta, pensò il F.G., forse il titolo era un po’ forte… ma senza dubbio l’ironia di Gaber l’avrebbe stemperato… Quando di lì a poco passammo all’ascolto, fu chiaro che il registro era tutt’altro che ironico: Gaber aveva impugnato la spada dell’invettiva e la maneggiava con furia. Percepii il primo scricchiolio del F.G ai versi “Io se fossi Dio,/maledirei davvero i giornalisti e specialmente… tutti. / Che certamente non son brave persone”. Dopo qualche minuto, quando sembrava che il mio coautore si stesse riprendendo, arrivò la mazzata decisiva: Io se fossi Dio, /quel Dio di cui ho bisogno come di un miraggio, /c’avrei ancora il coraggio di continuare a dire /che Aldo Moro insieme a tutta la Democrazia Cristiana /è il responsabile maggiore di trent’anni di cancrena italiana.” Il brano non era ancora terminato ma le palpebre del F.G. si abbassarono, come una serranda che si stava chiudendo per sempre, o forse come una ghigliottina. Aldo Moro, sequestrato e ucciso solo due anni prima dalle BR, era troppo. A quei tempi non era in uso l’espressione “politicamente scorretto” ma anche se fosse esistita sarebbe stata inappropriata, quella era una vera e propria blasfemia.
Inutile dire che
“Io se fossi Dio” non arrivò in trasmissione, anzi non fu mai trasmesso dalla rai.
Si parla molto, anzi troppo, da qualche tempo, della satira, dei suoi limiti, degli autori che dovrebbero regolamentarsi (o no? e dov’è il limite?)… Il discorso si è fatto stucchevole, mentre invece se ne potrebbe aprire un altro, più nuovo, sull’invettiva che è un genere non meno nobile e antico: forse perché nessuno la pratica, così come non viene praticata la maledizione che, pur non potendosi definire un genere letterario, ha origini altissime (addirittura bibliche). Ce ne occuperemo presto.

Piccoli massacri quotidiani. RONALD D. LAING, MI AMI?

mi ami 2Elizabeth Taylor e Richard Burton in Chi ha paura di Virginia Woolf

Psichiatra innovativo, (alla fine degli anni Sessanta incominciò a curare i malati schizofrenici senza l’ausilio delle terapie tradizionali, psicofarmaci compresi), Laing non cessò d’interrogarsi su quale fosse il linguaggio più adatto a comunicare la sua esperienza. E’ un’inquietudine inconsueta in uno psichiatra: le biblioteche e le libreria sono piene di trattati teorici, di manuali, di monografie su tutte le patologie immaginabili, e certamente gli autori, anche i grandi, non si sono mai posti problemi su quale scrittura adottare. Infine, la via si rivelò a Laing, non poteva essere che quella del teatro: aveva passato una buona parte della sua vita immerso nel dialogo e nei racconti dei pazienti che nel dialogo scivolavano per rappresentare con maggiore evidenza la loro storia. Ma, occorre precisarlo, i dialoghi di Laing non sono le trascrizioni delle sue sedute terapeutiche, bensì le creazioni di un drammaturgo che, dopo aver attraversato molte paludi esistenziali e cliniche, ne riproduce i colori, i miasmi, i gorghi insidiosi. E l’asciuttezza dei dialoghi disegna una patologia  domestica, quotidiana, che li avvicina a noi lettori, ce li rende familiari, riconoscibili – sì, pericolosamente riconoscibili.

lei                 e allora?
lui                 allora cosa?
lei                 l’hai fatto no?
lui                 di cosa stai parlando?
lei                 sai benissimo di cosa sto parlando
lui                 se intendi ancora quello ho già detto tutto ciò che ho da dire
lei                 l’hai fatto no?
lui                 non ho intenzione di subire un interrogatorio
lei                 dimmi solo la verità
lui                 te l’ho detta
lei                 chi era?
lui                 nessuno
lei                 sei un gran bugiardo
lui                 dicevi che non eri gelosa
lei                 non cambiare argomento
lui                 ma cosa stai cercando? Te l’ho già detto
lei                 io non sono gelosa ho soltanto bisogno di sapere
lui                 perché devi essere così sospettosa?
lei                 lo so chi era
lui                 te lo sei messa in testa tu. Non ho altro da dire
lei                 non credere di cavartela così
lui                 non c’è nulla da cui devo cavarmela
lei                 l’hai fatto lo so che l’hai fatto
lui                 no
lei                 tanto vale che tu lo ammetta
lui                 non c’è nulla da ammettere
lei                 me l’ha detto lei
lui                 lo so che stai inventando
lei                 è venuta da me e me l’ha detto
lui                 perché devi ricorrere a queste bugie?
lei                 non ti lascerò distruggere il mio senso della realtà come hai distrutto tutto il resto
lui                 sei paranoide
lei                 non credere di cavartela così
lui                 sei tu a essere attirata da lei
lei                 no
lui                 dovresti andare da uno psichiatra
lei                 non proiettare su di me
lui                 sei ossessionata
lei                 l’hai fatto lo so che l’hai fatto
(pausa)
adesso vado subito a telefonarle
(pausa)
l’hai fatto
(pausa)
lui                 una volta
lei                 sei un gran bugiardo
lui                 non mi è piaciuto
lei                 sei uno schifoso bugiardo

Ronald D. Laing, Mi ami?, Einaudi, Traduzione Floriana Bossi

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: