Il video della domenica. Margot canta “Le golose”, di Guido Gozzano

Io sono innamorato di tutte le signore
che mangiano le paste nelle confetterie.

Signore e signorine –
le dita senza guanto –
scelgon la pasta. Quanto
ritornano bambine!

Perché nïun le veda,
volgon le spalle, in fretta,
sollevan la veletta,
divorano la preda.

C’è quella che s’informa
pensosa della scelta;
quella che toglie svelta,
né cura tinta e forma.

L’una, pur mentre inghiotte,
già pensa al dopo, al poi;
e domina i vassoi
con le pupille ghiotte.

un’altra – il dolce crebbe –
muove le disperate
bianchissime al giulebbe
dita confetturate!

Un’altra, con bell’arte,
sugge la punta estrema:
invano! ché la crema
esce dall’altra parte!

L’una, senz’abbadare
a giovine che adocchi,
divora in pace. Gli occhi
altra solleva, e pare

sugga, in supremo annunzio,
non crema e cioccolatte,
ma superliquefatte
parole del D’Annunzio.

Fra questi aromi acuti,
strani, commisti troppo
di cedro, di sciroppo,
di creme, di velluti,
di essenze parigine,
di mammole, di chiome:
oh! le signore come
ritornano bambine!

Perché non m’è concesso –
o legge inopportuna! –
il farmivi da presso,
baciarvi ad una ad una,

o belle bocche intatte
di giovani signore,
baciarvi nel sapore
di crema e cioccolatte?

Io sono innamorato di tutte le signore
che mangiano le paste nelle confetterie.

Narrativa. Daniel Pennac, La fata carabina (frammento)

Era inverno a Belleville, e la lastra di ghiaccio somigliava una cartina dell’Africa e copriva l’intera superficie dell’incrocio che la vecchia signora si accingeva ad attraversare trascinando con millimetrica prudenza una pantofola davanti all’altra. Con il loro avanzare strisciante le pantofole l’avevano condotta, diciamo; fino al centro del Sahara, sulla lastra a forma di Africa. Doveva ancora farsi tutto il sud, i paesi dell’apertheid e via dicendo. A meno che non tagliasse per l’Eritrea o la Somalia, ma nel canaletto di scolo il mar Rosso era terribilmente gelato. Queste considerazioni zampettavano sotto i capelli a spazzola del biondino dal loden verde che osservava la vecchia. Il biondino si chiamava Vanini, era ispettore di polizia ed era tormentato soprattutto dai problemi di pubblica sicurezza. Anzi, della “pubblica insicurezza”: le quattro anziane donne sgozzate a Belleville in meno di un mese non si erano aperte i due da sole! Bisognava tenere gli occhi aperti. D’un tratto la donna fu quasi sul punto di perdel’equilibrio. Ed ecco il giovane ispettore che posa un piede sull’Africa, avanza a grandi falcate sicure verso la vecchia. Nonscivola sul ghiaccio, lui. Ai piedi ha gli scarponi chiodati. Le fragili spalle della vecchia signora gli ricordano d’un tratto quelle della nonna, la sua, di Vanini, cui ha voluto così bene.
Si stava già preparando la frase: “Mi permetta di aiutarla, nonnina”, che avrebbe pronunciato con la gentilezza del nipotino. Era ormai a un passo da lei, e fu allora che la donna si voltò, rigida con un braccio puntato verso di lui. Come se lo indicasse col dito. Solo che in luogo del braccio e del dito, la vecchia signora brandiva una P 38 d’epoca, quella dei tedeschi, un’arma che ha attraversato il secolo senza passare neanche un filino di moda, un arnese tradizionalmente omicida.
E la vecchia premette il grilletto.

        Daniel Pennac La fata carabina

Joyce Lussu, Un paio di scarpette rosse

Un paio di scarpette rosse

C’è un paio di scarpette rosse
numero ventiquattro
quasi nuove:
sulla suola interna si vede ancora la marca di fabbrica “Schulze Monaco”.
C’è un paio di scarpette rosse
in cima a un mucchio di scarpette infantili
a Buckenwald
erano di un bambino di tre anni e mezzo
chi sa di che colore erano gli occhi
bruciati nei forni
ma il suo pianto lo possiamo immaginare
si sa come piangono i bambini
anche i suoi piedini li possiamo immaginare scarpa numero ventiquattro
per l’eternità
perché i piedini dei bambini morti non crescono. C’è un paio di scarpette rosse
a Buckenwald
quasi nuove
perché i piedini dei bambini morti
non consumano le suole

Le figurine di Radiospazio. Poeti difficili

– Le confesso, amica mia, che durante l’infanzia ho giocato pochissimo. I giochi di allora mi annoiavano come i piaceri d’oggi. Intendo dire i piaceri come qualità, i divertimenti che si pretendono tali.
– Allora, il teatro?
– Mai e poi mai. Mi fa dormire.
– E il cinema?
– Mi esaspera. È falso tramite il vero…
– Va bene. I viaggi?
– Mi stancano. L’obbligo di vedere!… Oh, i musei!
– La lettura?
– I romanzi li trovo insopportabili… Credo che un uomo che fa da vent’anni il mio mestiere possa leggere un romanzo?
– Non faccio altro che attraversare esistenze, case, storie…
– E… la poesia?
– Me ne guardo bene.
–  Non insisto.
– E aggiungo: la poesia la trovo dove non la si trova, e non la trovo dove la si trova.

Paul Valéry, L’idea fissa

Il video della domenica. Umberto Eco cerca un libro nella sua biblioteca. 1’20”

https://www.youtube.com/watch?app=desktop&v=bF9tG5Q6NTA

Darwin Pastorin, Grazie Bonelli, Tex Willer è un “vizio” a cui non so rinunciare (L’Huffpost)

“Per me Tex Willer è un “vizio”, come era Omar Sivori per Gianni Agnelli. Non riesco a fare a meno del mio fumetto preferito, che continuo a leggere, in tutte le sue varie edizioni, da quando ero ragazzino. Non solo un giornalino: ma una miniera di avventure, di simboli, di galoppate continue tra il sogno e il West, un recupero costante della giovinezza, così come avviene per la tua squadra del cuore.”

Leggi l’articolo:
https://www.huffingtonpost.it/entry/grazie-bonelli-tex-willer-e-un-vizio-a-cui-non-so-rinunciare_it_5fe1ff38c5b64e4420ffcb66?utm_hp_ref=it-homepage&ncid=newsltithpmgnews

Andrea Berretta, Una collezione di piccoli oggetti italiani “fatti bene” che sono ancora in vendita (Picamemag)

Anna e Alex sono i fondatori di Fattobene, un archivio che raccoglie oggetti umili del design italiano, oggetti che molti di noi hanno maneggiato e visto per casa innumerevoli volte ma che proprio per questo spesso passano inosservati.

Dietro ad ognuno di essi ci sono storie di aziende, di imprenditori, di idee. Sono testimonianza di un modo di fare bene le cose, di una progettazione finalizzata alla produzione di oggetti senza tempo che durano nel tempo. È per riscoprire queste storie e per farle conoscere che esiste Fattobene, un progetto nato nelle campagne intorno a Viareggio è arrivato, come vedremo, oltreoceano.

È vero che alcuni di questi oggetti sono immutati da 300 anni?
Sì. Sembra incredibile pensare che molti di questi prodotti esistano – senza interruzione – da così tanto tempo. Penso ad esempio alla Liquirizia Amarelli, nata in Calabria nel 1731. La sua storia è affascinante: secondo l’Enciclopedia Britannica, la liquirizia calabrese è considerata la migliore del mondo e durante l’Ottocento venivano organizzate spedizione da tutta Europa per studiarla e cercare di imitarne le proprietà. Anche la Cedrata Tassoni è nata nello stesso periodo.”…………………

Leggi l’intero articolo:
https://www.picamemag.com/fatto-bene/

Amedeo Balbi, La dittatura dell’incompetenza (Il Post)

“David Dunning e Justin Kruger sono due psicologi della Cornell University che nel 1999, dopo una serie di studi, sono giunti a una conclusione che potremmo riassumere così: le persone incompetenti tendono a sopravvalutarsi, a sovrastimare le proprie capacità, ritenendole, nei casi più gravi, addirittura superiori alla media. Effetto Dunning-Kruger, si chiama. Ovvero: più uno non sa niente di un argomento, non ha vere capacità, più crede di saperla lunga.”

Leggi l’articolo:
https://www.ilpost.it/amedeobalbi/2013/04/17/la-dittatura-dellincompetenza/

Le figurine di Radiospazio. L’autoimmagine

L’écrivain François Mauriac dans son appartement parisien. (Photo by Pierre Vauthey/Sygma/Sygma via Getty Images)

Non si può mantenere la fiducia in se stessi da soli. Abbiamo bisogno di qualcuno che testimoni la nostra forza: qualcuno che segni i colpi, che conti i punti, che ci incoroni nel giorno della ricompensa – come un tempo, durante la distribuzione dei premi, carico di libri, io cercavo con gli occhi tra la folla la mamma che al suono di una musica militare disponeva le foglie dorate di lauro sulla mia testa rasata.

François Mauriac, Le noeud de vipères, Grasset

Manuel Santangelo, Perché dovresti circondarti di libri, anche se non avrai il tempo di leggerli tutti (Youmanist)

“Una biblioteca privata non è un’appendice che stimola l’ego, ma piuttosto uno strumento di ricerca. I libri letti hanno un valore molto inferiore rispetto a quelli non letti. La biblioteca dovrebbe contenere tutto ciò che non si conosce. In effetti, più sai, più grandi sono le file di libri non letti”. 

Leggi l’intero articolo:
https://youmanist.it/categories/cultura/circondarsi-libri-salute?fbclid=IwAR0IHgcU8gxjQZ9wS_0Y9L3vlXOozOMu19xYl0mMDUIWZ6ZRSlqI89erkXs

La lingua italiana è una pantera. E la letteratura italiana non esiste. Dialogo con Mirko Volpi (Pangea)

V0023114 Zoological Society of London: a black panther. Coloured etch Credit: Wellcome Library, London. Wellcome Images images@wellcome.ac.uk http://wellcomeimages.org Zoological Society of London: a black panther. Coloured etching by H. Canton after W. Panormo. By: W. Panormoafter: H. CantonPublished: – Copyrighted work available under Creative Commons Attribution only licence CC BY 4.0 http://creativecommons.org/licenses/by/4.0/

“La lingua italiana va braccata. Bisogna battere i boschi, per stanarla; bisogna muoversi con l’ingegno dei lacci, porre trappole e avere l’ostinata astronomia della tenacia, perché “questa fiera fa sentire il suo profumo ovunque, ma in nessun luogo si mostra”. Secondo Dante, il volgare “illustre, regale”, la lingua utopica degli “Italiani”, “appartiene a tutte le città senza apparire proprio di alcuna di esse”.

Leggi l’intero articolo:
http://www.pangea.news/mirko-volpi-intervista/

Marcel Schwob, L’uomo che non aveva fiducia in se stesso (Racconto)

C’era una volta un uomo che non aveva fiducia in se stesso. Era un grande sapiente che conosceva a meraviglia tutte le lingue antiche e tutte le scienze. Ma credeva di non saperle. Spesso lavorava sino a notte fonda; scriveva e leggeva grossi libri rilegati in pelle e in pergamena; credo che sapesse anche l’ebraico e il cinese. E, lavorando tanto, il suo fisico era deperito e i suoi occhi sbattevano come quelli di un gufo. Tuttavia continuava a lavorare sui suoi grandi manoscritti, e nessuno sapeva a che cosa. Dio, che uomo era! Ma non aveva fiducia in se stesso; questo fu la sua rovina. Terminate due pagine, quando le rileggeva, le trovava pessime, le stracciava e le bruciava.
Nonostante fosse un bell’uomo, non osava avvicinarsi a una donna perché pensava di essere respinto. Era davvero uno strano tipo quest’uomo che non credeva in se stesso. Senza aver conosciuto niente della vita, divenne un vecchio misantropo; tanta era la sua paura di non riuscire, che non osava vivere al di fuori dei suoi grossi volumi in pergamena. Quando lo conobbi, era vecchio e malato e steso sul suo letto di morte; e si doleva dell’ignoranza nella quale Dio l’aveva abbandonato; perché, diceva, più sapeva e meno credeva di sapere. E mi fece accostare al suo letto e mi raccontò ciò che vi ho raccontato; e la sua voce era strana come quella di un essere soprannaturale; e quando la sua anima si separò dal corpo, sentii che il cuore mi batteva forte mentre la voce della mia coscienza mi diceva: “Questo essere è l’incarnazione dello Spirito Cattivo che mette il dubbio nel cuore dell’uomo”.

Marcel Schwob, Scritti giovanili

Narrativa. Piero Jahier, Gino Bianchi (frammento)

M.CAMPIGLI-famiglia

Massimo Campigli, “La famiglia Cardazzo”, 1938

Il personaggio è un impiegato posseduto dal lavoro, imbevuto di lavoro, che ha introiettato la visione più integralistica della burocrazia. Il suo mondo sono le scrivanie, i superiori, gli orari, le promozioni, i colleghi, il giorno 27, gli avanzamenti di carriera, i Capostanza, la carta suga (carta asciugante)i timbri, le discussioni su una finestra troppo aperta o troppo chiusa, le firme…
L’autore di questo romanzo dal titolo arcaico e asettico (“
Gino Bianchi. Resultanze in merito alla vita e al carattere, 1915) è uno dei grandi poeti appartati del ‘900, che viaggiando nel grottesco del mondo burocratico anticipa la trasformazione dell’individuo in macchina – uno dei temi ce percorreranno tutto il “secolo breve”.

Il funzionario Gino Bianchi venne ad accorgersi di non essere sistemato: non aveva nessuno che gli guardasse la biancheria; le minestre sciacquine del ristorante minacciavano di rovinargli lo stomaco; frequentava i caffè non sapendo cosa fare; fornicava due volte la settimana, per i che, dopo il rincaro di tutti i generi di prima necessità, non vi era capienza nel suo stipendio.
Non farà quindi meraviglia se fu tratto a prendere in considerazione l’istituzione del matrimonio, come quella che ha per iscopo di ovviare a tali inconvenienti.
Tanto più che dal primo dell’anno era a duemilatre.
Esaminando, però, tale stipendio alla luce matrimoniale, si convinse tosto di non potersi sposar solo; bisognava che anche il suo stipendio sposasse qualcosa.
Alla necessità di Gino Bianchi di sposare una moglie, faceva riscontro quella del suo stipendio di sposare una dote.
E il problema si complicava ancora: sposare una moglie con dote o una dote con moglie?
Gino Bianchi inclinava verso la prima soluzione, ma non se ne nascondeva le maggiori difficoltà.
Tali difficoltà parvero tuttavia appianarsi quando, all’Associazione degli Impiegati Civili, gli fu presentata la Signorina Rosina Turchini.
La signorina Turchini aveva, sia pure per ragioni differenti, la stessa necessità di maritarsi che Gino Bianchi aveva di ammogliarsi.
Le sue amiche erano tutte sposate.
Non sapeva più con chi stare.
Il suo corredo, in attesa del fausto evento, minacciava di intignare.
Quando era venuta la moda della scollatura a spacco aveva mostrato le gambe e i peluzzi biondi traverso le calze velate; quando venne la scollatura completa, mostrato il canale profondo.
Non sapeva più cosa mostrare.
L’avevano fiutata a caldo, a freddo; si erano tanto abituati a vederla nubile, che nessuno aveva più il coraggio di rompere questa abitudine.
La Signorina Turchini si sentiva passar di stagione.
Eppure possedeva tutti i requisiti matrimoniali.
Era una ragazza onesta: la sua onestà non era mai scesa sotto il livello di quella che conviene alla figlia di un commerciante, – né salita al disopra.
Suo padre era Impresario di Pompe Funebri, commercio che Gino, dopo il funerale paterno, aveva imparato a apprezzare.
Se suo padre è commerciante, deve avere la dote, come io, perché sono funzionario, ho lo stipendio.
Così ragionava Gino Bianchi.
Gli avvenimenti posteriori dovevano smentire questa deduzione: Gino Bianchi si è sposato solo; il suo stipendio è rimasto celibe.

Piero Jahier, Gino Bianchi, Resultanze in merito alla vita e al carattere, Vallecchi

Poesia. Marilena Renda, Fate Morgane (Le parole e le cose)

Le illustrazioni della mandragora la rappresentano
alta cinque centimetri, in forma di uomo
o di bambino che dorme dentro la terra.
Prima o poi nasce, dopo uno strano parto,
e si ritiene che, essendo figlia di madre potente,
possa ribaltare le leggi di natura, donare l’amore,
………………………………

Leggi il resto:
http://www.leparoleelecose.it/?p=40076

Walt Whitman, La democrazia deve affinarsi nella natura, tra le bestie (Pangea)

“I poeti americani hanno da racchiudere vecchio e nuovo perché America è la razza delle razze. Di codeste il bardo dev’essere commisurato a un popolo… La terra e il mare, gli animali pesci e uccelli, il cielo del firmamento e le orbite, le foreste montagne e fiumi, non sono temi da poco…”. Perfino la politica, in effetti, dovrebbe essere retta da una poetica. “La scelta quadriennale dei presidenti americani è uno spettacolo possente”, aveva detto il poeta, ormai leggenda, acciaccato, nel 1891. Si riferiva alla grande massa democratica che si muove, a fiumane, nell’immensità americana. Riguardo ai presidenti, però, non aveva la stessa opinione. Non si sono mai visti uomini tanto corrotti, mediocri, inaffidabili, piagnoni e falsi come quelli che occupano il potere pubblico”.

Leggi l’articolo:

http://www.pangea.news/whitman-democrazia/

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: