Teneri, derelitti e sgrammaticati zombie. AUGUSTO FRASSINETI, MISTERI DEI MINISTERI

Baj web

disegno di Enrico Bai

“Autore di un solo libro” fu definito Augusto Frassineti dal suo stesso editore. Come tutte le definizioni, anche questa è imprecisa perché qualche altro libro Frassineti lo pubblicò – e comunque non sarebbe una diminuzione scrivere un libro solo, al contrario mi sembrerebbe il segnale di un’indole discreta, riservata e, per dirla in modo un po’ frivolo, molto elegante; se poi si tratta di un libro come Misteri dei ministeri, uno scrittore può serenamente decidere che ha già svolto nella maniera più piena il suo compito.
Contrariamente a quanto scrive Wikipedia, questo romanzo non è umoristico ma tragicomico. Si ride, ma su una delle nostre grandi sciagure: quel mefitico calderone in cui si mescolano la burocrazia ministeriale, la sudditanza del cittadino che balbetta il suo smarrimento di analfabeta, il triste sogno del vegliardo che vagheggia di esibirsi, un attimo prima di morire, alla radio. Si ride, certo, perché ci s’identifica col postulante schizofrenico che bussa con la sua domanda di grazia alle porte chiuse del ministro, e poco importa che ciascuno di noi non si sia mai abbassato a tanto, quel fantasma ci abita, come una tentazione alla quale, quando ne siamo capaci, riusciamo faticosamente a resistere.
Misteri dei ministeri è stato scritto nel 1952: sessantatré anni splendidamente portati, profuma ancora di tipografia.

Roma, 5 febbraio 1950
Illustrissimo Signor Ministro
Delle Poste e delle Telecomunicazioni,
Roma

Fiducioso del Suo illuminato interessamento per tutto ciò che comunque ritorni ad onore del nostro amato Paese, mi permetto farLe presente quanto segue.
Pur trovandomi al mondo dall’inizio del Milleottocentoquaranta-cinque, ho l’impressione che il mio fisico, anziché subire una menomazione per legge naturale, si sia fermato al cinquantesimo anno di età, tanto che scrittori che si occupano della longevità umana sono d’avviso che non sarà tanto facile trovare in Italia, e forse anche altrove, altri elementi della medesima età che siano in grado di poter fare altrettanto.
Anche il Direttore della «Domenica del Corriere», la rivista più diffusa in Italia, venuto a conoscenza di tali requisiti e rapportandoli all’età, è di parere che trattasi di un caso raro, di un fenomeno vivente, di un portento della natura.
Al riguardo, si ritiene opportuno informare che in un raduno di centenari e di ultranovantenni, che ebbe luogo in questa città nel giugno dello scorso anno, il mio fisico fu ritenuto il caso più interessante, tanto che fui presentato agl’italiani a mezzo della radio e anche non pochi giornali e riviste misero in evidenza le mie possibilità.
Ciò premesso, qualora la Signoria Vostra Illustrissima ritenesse che qualcuno di tali requisiti possa interessare ancora la radio si benigni di farmi sottoporre ad un collaudo, senza che venga assunto preventivamente il minimo impegno.
La mia aspirazione non tende ad una retribuzione alla quale dichiaro fin d’ora di rinunziare, pur essendo un modesto pensionato, bensì a far conoscere agli italiani le possibilità della razza italiana.
Nella fiducia che la mia preghiera verrà esaminata con comprensione, ringrazio
sentitamente fin d’ora.
Con rispettosi ossequi.
Olimpio Gentilini

Augusto Frassineti, Misteri dei ministeri, Kami

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...