A proposito di gufi, ma di tutt’altro genere. AUGUSTO MONTERROSO, IL GUFO CHE VOLEVA SALVARE L’UMANITA’

gufo con luna grande

Prima di essere esibiti, spintonati e strattonati sulla passerella del lessico politico, dove rimediano solo sberleffi e polemiche, gli animali hanno soggiornato dignitosamente nel dipartimento dell’allegoria e, quando volevano sgranchirsi le gambe, se ne andavano a fare quattro passi nel giardino della favola dove trovavano autori di tutto rispetto che li trattavano con garbo e affettuosa ironia. Uno dei più recenti, nostro contemporaneo, è il guatemalteco Augusto Monterroso, (di cui abbiamo pubblicato un racconto, alcuni mesi fa), che si inserisce sulla più limpida tradizione della favola con questo gufo (del tutto estraneo, per sua fortuna, ai suoi sfortunati colleghi che vengono continuamente evocati nei talk show).

Nel più profondo della Foresta visse in tempi lontani un Gufo che cominciò a preoccuparsi per gli altri.
Di conseguenza prese a meditare sulle manifeste malvagità che commetteva il Leone con il suo potere; sulla debolezza della Formica, che veniva schiacciata tutti i giorni; sul riso della Iena, che non cadeva mai a proposito; sul Ragno che cattura la Mosca e sulla Mosca che si lascia catturare dal Ragno, su tutti i difetti, infine, che rendevano l’Umanità disgraziata, e cominciò a pensare al modo di porvi rimedio.
Ben presto prese l’abitudine di vegliare e di andare in strada ad osservare il comportamento della gente.
Dimodoché alcuni anni dopo acquisì una grande capacità di classificare, e sapeva con sicurezza quando il Leone avrebbe ruggito e quando la Iena avrebbe riso, e cosa avrebbe fatto il Topo di campagna quando fosse andato a visitare quello di città, e quel che avrebbe fatto il Corvo quando gli avessero detto che cantava così bene.
E infine concludeva:
«Se il Leone non facesse quello che fa ma piuttosto quello che fa il Cavallo, ed il Cavallo non facesse quello che fa ma piuttosto quello che fa il Leone; e se il Boa non facesse quello che fa ma piuttosto quello che fa il Vitello ed il Vitello non facesse quello che fa ma piuttosto quello che fa il Boa, e così via fino all’infinito, l’Umanità si salverebbe e tutti vivrebbero il pace».
Ma gli altri animali non apprezzavano gli sforzi del Gufo, per quanto egli credesse che lo credessero saggio; mentre invece pensavano che fosse stupido, non si rendevano conto della profondità del suo pensiero, e continuavano a mangiarsi gli uni con gli altri, tranne il Gufo, che non era mangiato da nessuno e non mangiava nessuno.

Augusto Monterroso, Il gufo che voleva salvare l’Umanità, “La pecora nera e altre favole”, Sellerio, Traduzione Maria Teresa Marzilla

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...