Nilla Pizzi, una creatura dell’immaginario felliniano

Negli anni Cinquanta era la “Regina della Canzone”. La sua origine di proletaria emiliana, la sua voce calda e il fisico generoso contribuirono a trasformarla in un mito pop del dopoguerra. I suoi fan organizzavano torpedoni per seguire i suoi concerti in tutta Italia e non esitavano a scontrarsi con i tifosi di altri incauti canzonettisti che aspiravano a quel trono, così come cinquant’anni prima avveniva fra verdiani e wagneriani. Il regime fascista aveva censurato la sua voce in quanto troppo sensuale (strana contraddizione col virilismo di Stato). “Amiamoci così” è uno dei suoi grandi successi che Fellini, durante la sua gavetta di autore radiofonico, si diverte a smontare con tecnica semplice ed efficace da avanspettacolo.

http://www.spreaker.com/user/7367339/fellini-amiamoci-cosi

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...